bomp.it

25/06/2015 – Bodie e Mono Lake

Ci svgliamo a Lee Irving decisi a fare una altra notte qui di riposto. Il titolare non è dello stesso parere: No Vacancy!

Andiamo di fronte a fare la colazione in un posto tipico. Denominatore comune a Lee Irving dei ristoranti è quello di volere uccidere i clienti con le quantità di cibo.

Prendiamo da dividere in due una colazione composta da due uova, bacon, pane e due giganteschi pankake. Tutto molto buono, ma quando mi alzo dal tavolo mi sento svenire!

Lasciamo il motel e partiamo per andare a Bodie a vedere una Ghost town. E’ incredibile, è una delle meglio conservate degli Stati Uniiti e sembra il set di un film western. Si vede la chiesa, il saloon, la banca e le abitazioni dei residenti. Bodie è una delle tante città cresciute in seguito alla corsa all’oro spopolata quando le vene si sono esaurite.

Ci fermiamo per almeno due ore, ma l’atmosfera fa volare il tempo. Il mio momento magico è stato quando sono salito sul davanti di una casa e il rumore della suola delle mie scarpe da trekking sul legno ha ricordato quello di tutti i film western visti da bambino. Questo posto deve essere una tappa obbligatoria!

Ripartiamo per il Mono Lake, il lago sul quale si affaccia Lee Irving. Bellissimo posto, visto il poco tempo facciamo tappa solo a South Tuma dove delle formazioni rocciose si riflettono nell’acqua … o almeno dovrebbero. Come mi dice un tizio americano con attrezzatura fotografica “Wrong date, wrong time”, è vero rispondo “It’s windy”, c’è vento e il riflesso manca. Nulla però viene meno alla bellezza del posto.

Proseguiamo per Bishop, l’ennesimo posto in mezzo al nulla scelto solo perchè costava poco. Bishop però è una sorpresa, il paese è vivace e pieno di proposte. Il motel è molto carino e la scelta dei ristoranti ampia. Imploro Leila per una variante e andiamo ad un ristorante cinese. Prendiamo due noodles, con manzo per Leila e vegetariani per me, tutto buonissimo.

Ci fermiamo in un benzinaio per comprare due birre e torniamo al motel. Finiamo la serata bevendo due Blanche locali buonissime (Blue moon), patate fritte pepe e aglio e a discutere per i prossimi passi.

In televisione tutto quello che ho sempre sognato e non ho mai osato chiedere (ovvero le serie TV che adoro che arrivano con un ritardo di sei mesi).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.